monacoooooo

27 dicembre 2007

POche ore………..meno di 24 alla fatidica partenza. Domani a quest’ora sarò a monaco, proprio in centro…waaaaaaaa! hihihihih
 
 
 
 
 
 
Sono agitatissima…spero di aver portato tuttissimo! XD Evviva le valigie che non si chiudono…..ciao a tutti…mi mancherete tantissimo! Baci!

Natale

24 dicembre 2007

Di solito non faccio mai nomi, parlo raramente dei cazzi esclusivamente miei, ma oggi serve perchè oggi è diverso….volevo fare gli auguri ufficialmente alle persone che mi stanno rendendo bello questo natale, e carico di significati.
 
FRANCESCO, il mio fratellino, il mio migliore amico…colui che anche quando non c’è c’è =) perchè è la persona più importante che esiste per me, perchè gli voglio davvero bene e se qualche voglia gli dico che lo amo, hihihi, è vero, perchè c’è un amore tra me e lui che ricorda molto quello per un fratello. Grazie fratellino mio per il Natale [e non solo] che mi stai regalando, perchè con te le luci brillano di più.
 
LUCA, papi il cazzo XD una persona che sta diventando sempre più importante, la persona che sta sveglia fino all’1 per sentire le mie CAZZATE, la persona che mi porta alle mostre e fino a 5 min prima eravamo a dire cose così stupide che se ci avesse sentito la gente dentro la mostra ci avrebbe preso a calci. Luca è quella persona con cui puoi parlare di tutto senza limiti e senza avere mai noia: grazie Luca, per tutto quello che stai facendo per me, perchè mi doni un sorriso quando di sorridere non ne ho proprio voglia.
 
LU [luisa], quella ragazza così sfacciata e così emotivamente potente che non puoi non sorridere se ci parli insieme. Condivideremo il capodanno lontano da questa italia di merda, e li si che ci sarà da farsi 4 risate….=) perchè le voglio davvero bene, nonostante non riusciamo mai a sentirci e vederci, ma le voglio bene….grazie mille tessora mia, grazie mille. Hai voluto condividere con me tanti tuoi momenti belli e tu mi hai aiutata in momenti di merda ed è proprio questo il bello, nonostante la lonatanza.
 
ALE [il darra XD] altro compagnone delle stinche di capodanno XD caro. Ci stiamo conoscendo, ma lo trovo un soggetto moooolto interessate =) vedrai che ci troveremo bene, benissimo insieme e che ci divertiremo un botto
 
VALE [truzza], abbiamo discusso, abbiamo capito che comunque sarebbe andata avanti bene e ora non lo so. So che ti penso, so che non vorrei tu facessi cazzate in queste vacanze di natale, e spero che la luce di iddio illumini quel coglione che vorrei tanto evirare da parte tua. Amo, ti voglio bene, ricordatelo….e ci sono sempre
 
ESTER [ethinc-style], abbiamo avuto delle discussioni, ma quello ha rinforzato il bene che ti voglio, perchè ho fatto parecchio tempo a riflettere sul da farsi, ho riflettuto parecchio sul tuo bigliettino e ora, più ci penso e più penso che queste cose uniscano invece di lacerare ciò che c’era….spero che anche il tuo natale sarà scintillante e potrai riposarti e al tempo stesso divertirti. =) perchè ti voglio bene…
 
MICHELE, la telefonata di ieri sera mi ha lasciata con un sorriso enorme. Perchè vuol dire che per qualcuno sono davvero importante…perchè ricordati che sarò sempre qui ad ascoltarti: io sono io, gli altri sono gli altri. Anch’io ti voglio bene………*.*
 
AL MIO PROF DI FILOSOFIA, che ammetto di ammirare tantissimo. [lecchinaggio? hihihih, forse…no non è vero]. La ringrazio per quello che ha fatto per la riuscita del mio viaggio, la ringrazio per tutto ciò che fa e le auguro sempilcemente di passare uno splendido natale in compagnia della sua famiglia e di sorridere, perchè il sorriso è ciò che serve in questi giorni di felicità.
 
 
A chi ho lasciato indietro, mi scuso, perchè comunque chi sa di esser benvoluto da me rientra qui tra queste persone, ma ci tenevo a citare queste perchè sono particolari per la riuscita di questi momenti di felicità. Un sentito grazie a voi e un buon natale a chiunque entri qui….=)

C’era una volta…

23 dicembre 2007

…una canzone strana, che in quei momenti belli non diceva nulla alla bella ragazza. Passati i momenti belli la canzone strana iniziava a prendere significato. Era come se quei momenti non li avesse mai vissuti in quel modo, non avesse mai provato quelle sensazioni e da li smise di piangere. Smise di vivere. Le era impossibile andare avanti perchè sentva ancora il profumo dei gigli del giardino, sentiva ancora il profumo della torta di mele e il sapore delle caramelle gommose mangiate di nascosto tra un bacio e una carezza. Era così indelebile tutto questo che un giorno decise di non volere più pensarci: sulla riva del fiume ghiacciato si spogliò, ripose i suoi vestiti piegati su un sasso e si tolse la vita nelle gelide acque. Preferiva morire fisicamente che continuare a rivivere mentalmente quei momenti felici, dove non immaginava nemmeno lontanamente tutto questo.
 
 
Non è semplice coprire una ferita quasi mortale con il sorriso, perchè quella dolorerà sempre.
 
Oggi giornata dedicata, grazie a Dio che ogni tanto si può, all’arte [grazie a quel figo della madonna di Luca che mi ha accompagnata fino a Vercelli; grazie amore di un papi, tesoro di un ghey XD lo saaai che scherzoooooo XD =) bacinuuuuu]: Peggy Guggenheim a Vercelli. E’ stata una bella esperienza perchè mi ha posto di fronte alle varie sfaccettature dell’arte surrealista e devo dire che mi sta prendendo davvero parecchio. Arte totalmente concettuale, essenzialista, pessimista, anti-estetica: esattamente ciò che piace a me. No perfezionismo, no classismo, no bellezza estetica, ma una ricerca del vero significato che ogni opera ha in sè, la continua rappresentazione del lavoro della mente e la proiezione dei più nascosti desideri e vissuti. Prima di giudicare un’opera surrealista bisogna scavare a fondo di questa e comprendere ciò che significa, che può anche riguardarci da vicino. Ed è quello che dovrebbe fare un uomo dotato di intelletto: scavare dentro di sè e dentro l’altro per scoprire il bello di sè e di chi o cosa lo circonda; questo non avviene per vari motivi: non si ha voglia di mettersi in crisi, non si ha voglia di pensare ed è meglio avere per sè un qualcosa di esteticamente supremo che concettualmente superbo….io le chiamo le persone-soprammobile. Quelle persone sono noiosissime perchè sanno parlare solo di sè e delle 100000000 cose belle MATERIALI che hanno…
 
Tiratemi fuori da questo mondo, perchè ci sto un po’ stretta….
mancano solo 8 giorni alla NOSTRA vacanza…=)
 
 
oggi il mio taglio di capelli, dopo un giorno di vita, ha già riscosso grandissimo successo: entro all’upim e già la commessa mi guarda male. Io mi avvicino, insieme a i miei due fidanzati segreti XD [vi amo alla follia XD], al banco dei trucchi cercando uno smaltino decente. La commessa si avvicina e mi chiede se ho trovato quello che cercavo, e io gentilmente le rispondo di sì, ma che ero indecisa sul da farsi. Mi faccio un giretto per schiarirmi le idee e AndrEmo XD mi fa notare che la commessa mi guardava stramale, come se dovessi fregare qualcosa…va bhe, non ci do peso; soliti pregiudizi… Al che, decisa sul cosa comprare mi avvio al banco, prendo lo smaltino e vado alla cassa. Mi metto in coda come una persona NORMALE e arriva una signora anziana da dietro; saluta la commessa e dice:- Devo pagare. Si permette di passare davanti solo perchè conosce la commessa e io mi incazzo…[come è giusto che sia]. Sentenzio ad alta voce che comunque non è giusto, che la prossima volta anche io mi faccio le conoscenze all’upim e pago prima, che comunque io vengo guardata male li dentro e poi vengo pure sorpassata al momento del pagamento. La commessa si intromette dandomi della maleducata, che non dovevo permettermi di fare certe affermazioni perchè comunque la signora è anziana, perchè io ERO DISTRATTA E ALLORA L’HA PRESA LEI LA MERCE DELLA SIGNORA….e questa come ribatte? :- Non darci peso a questi giovani STRANI….! O.o è così strano che io voglia rispettare una cosa come la fila alla cassa? E poi ciò che mi ha dato più fastidio di tutto è che comunque sono stata guardata malissimo da tutti quanti, ma poi sono stata io quella che comunque ha dovuto chiudere un occhio perchè, povera anziana che era di fretta….-_______________________________________-°
Io, guardata malissimo da tutti, sono stata onesta e ho pagato, mentre la signora, perchè poverina è anziana poteva anche fregare 10 smalti! C’è troppo pregiudizio a sto mondo…purtoppo tutti quanti valutano i libri dalla copertina…e va bhe, cosa ci devo fare? Sono una puzzona, ladra, antipatica, drogata e chi più ne ha più ne metta…!
Una tormenta di neve, non è la previsione meteo, ma è quello che c’è dentro me.
 
E’ difficile sopravvivere con questo gelo dentro me, soprattutto se nessuno è disposto a scioglierlo. Anzi, ultimamente vedo più persone pronte a consolidarlo e allora non stupiamoci se sono spigolosa e seria!
 
Quando ci si accorge che tutto il mondo è accidioso e acido verso di te comprendi che dovresti chiudere più spesso gli occhi e fingere che la gente abbia imparato a conoscere che il mondo è composto da 5 o 6 miliardi di persone e non esiste solo il singolo "io", che può andare in coppia con il "sè" e far amicizia con il "mio"…Esiste qualcosa al di la della sfera personale, un qualcosa che, come noi, è umano. Quando non si pensa a questo è veramente triste perchè allora non bisogna stupirsi se fino a 70 anni fa si uccidevano quelli "di una razza inferiore", perchè ora non sarebbe cambiato molto.
Ci si ritiene sempre superiori all’altro, ma nessuno si chiede mai in cosa…se quel qualcosa esista; chi ti guarda dall’altro al basso perchè non sei adatto al suo schema di "persona", chi ti considera stupido arricciando il naso ad ogni parola che ti gli riferisci, a chi ti critica perchè la pensi in un modo diverso, a chi ti ride in faccia semplicemente perchè coltivi il tuo essere singolare e irripetibile…!
 
Libertà: una parola che non ha esempi pratici, perchè non ce n’è: la libertà non esiste, perchè si è sempre timorosi di essere criticati e quindi non si agisce come si vorrebbe, ma come vogliono gli altri. La libertà è una personale condizione mentale: uno si sente libero quando davvero può agire secondo il gusto personale, ma in questa società fatta di critiche e di pregiudizi purtoppo non possiamo sottrarci alle persone primitive che ancora ti giudicano dall’abito, che ancora non si accontentano mai di nulla, senza però mettersi nei panni della persona che si trovano davanti, perchè oramai l’uomo è abituato a trovare tutto pronto e da tutto per scontato, ma in realtà non è così. Nessuno pensa che ci vuole fatica in tutto, se deve essere bello, ma anzi, ti criticano se questo non è perfetto! Perfezione, altra parola chiave della società: se non sei perfetto non sei degno di far parte di questa società così strana…! Che mondo strano: Dio non esiste più, però tutti però tutti vogliono assomigliarci cercando la perfezione nelle cose materiali e terrene; tutte cose che prima o poi finiscono. La maaglietta di dolce e gabbana prima o poi si rovina o non va più bene, le scarpe di gucci prima o poi si rovineranno, gli occhiali di dior prima o poi non andranno più bene alla società….! Tutto finisce perchè tutto va buttato…; viviamo nella società del consumo, dove nemmeno i sentimenti vengono presi sul serio, dove anche l’amore diviene un "usa&getta", dove l’amicizia è come una bic: quando finisce l’intensità dell’inchiostro, quando non è più nuova è da buttare.
 
 
Però almeno quando lo butti via….lascialo li a marcire e non pensare di riprenderlo più…
Perchè non è semplice guarire dalle ferite…
Perchè non è semplice per entrambi Dimenticare…
Perchè non è semplice per me Ricordare…
Perchè ad ogni ricordo corrisponde un suono, quello che mi coccolava la sera prima di andare a dormire.
 
I Still waitin, I Still crying
 
Eri mio…eri Mio…e te ne sei andato. Stai la allora…e non tornare indietro, ti prego, perchè fa già male…!

:*

12 dicembre 2007

Du BisT mEin ScHatZ…
…icH wIll dIcH KuSseN
 
 

– 17 a monaco

11 dicembre 2007

uhuh, troppo impegnata per poter scrivere ultimamente! La scuola mi sta ammazzando….x[
 
cosa c’è di nuovo? uhuhuhuh, lol….tante belle cose! =) ma non ho voglia di parlare di me, anche perchè non frega a nessuno….!
 
Cosa penso in questi giorni? Uhm , ho pensato a moltissime cose; ho pensato al ragazzo ucciso dalla polizia, ho pensato che devo preparare la valiga per monaco, ho pensato che odio i media più di ogni altra cosa, ho pensato che forse dovrei pensare a cosa mettere in valigia, ho pensato che questo mondo è davvero strano, ho pensato che fra 17 giorni parto, ho pensato che la deficienza non è più un optional….ho pensato!
 
Che dire su quel ragazzo? Idee molto confuse: da una parte profondo dispiacere per la famiglia, dall’altra mi chiedo se era veramente un bravo ragazzo come tutti dicevano, se si stava pestando con altri O.o Ma pace all’anima sua…non lo conoscevo e non lo conoscerò quindi ciò sono affari suoi. Ma la cosa che mi stupisce di più è che non capisco osa cosa centrino le tifoserie; non è molto maturo usare come capo espiatorio contro la polizia l’uccisione di un ragazzo per mano della stessa…eppure è ciò che nel mondo dei tifosi sta succedendo. Polizziotti merda, polizia al rogo e chi più ne ha più ne metta: non è corretto prendere questa parte senza valutare tutti i punti di vista. Se fossi stato il poliziotto, cosa avresti fatto? Queste domande se le fa qualcuno prima di giudicare? Penso proprio di no, visto che ultimamente mi capita di sentire giudizi volare senza senso e senza un pensiero alle spalle. E ciò non lo comprendo: l’uomo dice di essere così erudito, così progredito nella cultura, ma poi spara giudizi negativi sull’altro. Non capisco tante cose di questo mondo; non capisco la tendenza dei miei coetanei a catalogarsi e a far proprie alcune caratteristiche comuni senza tentare di renderle adatte al sè…è strano…..è come se volessero sentirsi speciali in un modo comune: tutti vogliono sentirsi speciali nello stesso identico modo! Ma come puoi essere speciale, se non ci metti un qualcosa di diverso, o meglio , un qualcosa di TUO?
 
Cosa ne penso della deficienza? BHe…..oggi ho avuto proprio l’occasione di vedere in facca un deficiente doc, quei deficienti che hanno la stupidità insta dentro nel dn, quelli che prima ti USANO e poi fanno i deficienti con gli amici: prendi tanto in giro semplicemente per il fatto che ti ho lasciato con l’amaro in bocca, non ti ho fatto finire ciò che volevi e hai dovuto trovartene un’altra, un cesso assurdo, per poter raccontare in giro delle tue mirabolanti e ORRENDE peripezie con un gioco che chiamerei senza valore se fatto da te: il sesso! E il modo in cui l’hai fatto, mi lascia perplessa che fosse fatto perchè ci fosserò dei sentimenti verso questa persona…ma non me ne frega, prendi per il culo chi vuoi, ma non me! Cancellami cretino….e non mi chiamare nemmeno per lo stupido soprannome che tu e i tuoi amici deficienti quanto, se non più di te, mi avete dato…! La scemenza non è più un optional, perchè l’optional vero è il cervello oramai….