di Facile azione

22 novembre 2010

estate.
non è calda.
ma forse è la brezza
che ti si avvicina salutandoti
per rendere lo scandirsi
del tempo
un po’ meno monotono.
il tuo
è un disperato bisogno
di mangiare con gli occhi
e cedere alle tentazioni
dell’asfalto che calpesi.
forse la tua
è semplice necessità
di notare
l’ambiente introspettivo.
o forse è tutto intorno
che ti riflette.
quello che sei, non sei quello che dai.
e ciò che dai
sono immagini in putrefazione
scheletri di falsità
e umori di acidità.
ma tu,
che dall’alto dei tuoi monti di ignoranza
osservi
continua a sputare sentenze.
sorridi
perchè il vivere
non è mai esistere
e vivendo
scopri di vivere
sempre un po’ meno.

coltiva rimorsi

19 novembre 2010

La stupidità è portatrice di buon consiglio.
e, se ti chiedi perchè te lo domando
ripensa al legame
che non si scioglie mai
tra due persone
di poli differenti.
neanche con la distanza.
fisica.
o semplice matematica?

Ore grandi.

16 novembre 2010

Scrollo la testa: serve per togliere dalle orecchie quel cattivo suono che percepisco tutti i giorni, e mi creo la mia stanzina personale da manicomio, con le pareti imbottite, dalle quali risuona depresso Chopin. Ascolto malinconicamente con il mento nella mano e le guance che arrivano a terra dalla noia di vivere che si intercala tra le mie cellule.
Attorno a me ci sono esseri umani che respirano, proprio come me; ma faccio fatica a capacitarmene. Non riesco a capire come possano fare proprio come me. Non è vero. Se compissero i miei stessi atti penserebbero anche loro alle stesse cose, anche loro purificherebbero le orecchie un attimo prima di ascoltare Chopin ed isolarsi dal resto del mondo. E invece non lo fanno. Quindi non respirano come me, respirano diversamente. Respirano solo perchè è un riflesso naturale del corpo. Forse.
Vivere nelle alte sfere del cielo non rende speciali, ma chi arriva all’iperuranio credo finalmente viva; vorrei vederlo, questo iperuranio. Secondo me è proprio come dicono tutti, solo che si vive più leggeri, senza il peso del corpo. Solo le nostre idee volteggiano libere nell’aria, senza doversi scontrare con la nostra umanità limitata e limitante, contro l’umanismo delle persone che le ostacola, contro la volontà altrui come enti esistenti.
L’esistenza: un termine aggraziato per dire che siamo in un determinato posto in un determinato momento. Ma noi possiamo dire dell’esistenza altrui? Come posso io definire l’esistenza altrui? Deve per forza essere utile l’altro ente per essere esistente? Nel momento in cui il nostro ego, i nostri pensieri, le nostre intimità vengono fermate, ecco, sì: proprio ciò che ostacola è esistente. Palpita nella sua immobilità. E poi d’un tratto: esplosione. Muta. E’ esistenza? O è un passaggio da uno stato di esistenza ad un altro? E la morte? No, dopo la morte l’anima esce dalla bocca e lascia la tutina di pelle li, a farsi compiangere dai vicini, mentre ella raggiunge questo mondo fatato, e se vogliamo, un po’ la luna dove Astolfo va a ritrovare il senno di Orlando. Nell’iperuranio troviamo la cosa più grande che abbiamo perso durante la vita: la vita stessa. Ogni giorno che passa è un giorno in meno all’iperuranio, e fuori di noi ci sentiamo morire sempre un po’, ma ancora non sappiamo che cosa ci aspetta. E saltiamo da un’esistenza all’altra, sempre ricercando la nostra passione, sempre stuprando il nostro corpo con emozioni, sempre alla ricerca di nuovo, di novità. Nonostante si trovino novità retrograde, novità che appannano le esistenze e che in fondo vogliono che assumiamo esistenze già esistite. Personalmente desidero esistere (che scema, non posso desiderarlo se già esisto: è una cosa che io non posso volere o non volere) dialogando con le esistenze che non mutano mai. Forse non è cosa migliore, fossilizzarsi. Ma come un fossile che non si è mutato dalla lontana preistoria, in cui ha smesso di esistere come animale e ha assunto l’esistenza di fossile, è stato utile per approfondire molti campi, così un’esistenza che non muta approfondisce se stessa nell’istanza in cui si trova.
Eppure parlo molto bene, ma in realtà sono un composto di esistenze: vivo in una monade leibniziana, con qualche variante, come per esempio una graziosa porta rossa con il pomello dorato, due finestrelle con tanto di vasi sotto di esse e tanti bei fiorellini. Ogni giorno che passa non sto seduta al tavolo, ma vivo la mia monade: osservo e studio le pietanze che io cucino, osservo e studio i fiori e le piante che io coltivo, osservo e studio la mensola dei libri che io ho attaccato, osservo e studio i colori delle pareti che io ho scelto e applicato, eccetera eccetera eccetera. Muto le mie esistenze in base a ciò che sto osservando. Amo profondamente ciò che osservo. E poi, quando smetto di osservarlo, continuo ad amarlo, ma forse un po’ meno, visto l’amore nuovo che ho nei confronti della cosa nuova che osservo. Poi subentrano i sensi di colpa verso l’amore mutevole. E così cambio esistenza ad ogni nuovo stato d’animo.
Tutto questo per dirmi cosa? Che non so se ogni essere umano s’è accorto di abitare in una monade. Che non so se ogni essere umano ha le porte e le finestre nella sua monade. Che non so se ogni essere umano se ne accorgerà mai in tempo per poterla arredare. Che non so se riuscirà ad arrivare all’iperuranio dopo aver maturato le sue intimità sedate nella sua monade.

So, keep your hands off

11 novembre 2010

Il mio cervello
ha il dono dell’ubiquità:
ti odia e ti adora.

respirez profondement

9 novembre 2010

esistenza
pervade i nostri campi
chiudo gli occhi
e vedo te.
fingi
di fingere
e lo sai
che ormai lo sai
però non ti accorgi
che io ti osservo
e conosco.
vendetta soporifera
lunga una vita
sembra finire
poi comincia
e mi affatica.
e nonostante le tue
inutili

mi dico di non pensare a cosa scrivere
eppure più non penso
e più mi appari.
sei il vuoto del nulla?

incapacità relazionali
torni e ti abbassi
poi sparisci e mi rilassi.

in fondo, cosa vuol dire amare?
non è la sofferenza che si veste a festa
e viene pranzare con noi?
non è lo sconforto che finge di aiutarci
tenendoci per mano?

love is: a Barricade

7 novembre 2010

Due menti si incontrano
e penso subito al verbo
“se meler”
uno dei verbi più belli
della lingua francese.
due menti si scontrano
e penso subito
che presto cadi
perchè rifletti.
due menti di osservano
e penso subito
a come cadere
perchè non rifletto.
due menti si allontanano
e penso subito
all’esposimetro delle mie gambe
perchè è necessario contrastarmi.
due menti mentono
e penso subito
che sei tu.
perchè tu menti.
e forse pensi.

Non hai neanche il diritto di essere paragonata ad un Picasso
in quanto esso sarà pur brutto esteticamente parlando quasi più di te,
il che è difficile,
ma almeno lui ha un concetto al di sotto della sua bruttezza estetica.
anzi,
la sua bruttezza estetica
è giustificata dal concetto.
tu, non hai concetto
e la tua mente cacofonica
produce pensieri pressochè banali ed inutili alla società.

come lago

3 novembre 2010

Avevo riposto per qualche giorno le mie sigarette
avevo compreso cose sottovalutate
ho un pensiero
ho delle mani
e adesso so solo che ho peccato.
torno in un paesaggio soporifero
dove i profumi contaminano l’aria sporca
dove persone sono convinte del bene
e dove forse è il caso di non rimanere.
Avevo riposto per qualche giorno le mie sigarette.
ma non funziona così.