parli di me in terza persona

14 agosto 2013

Posso con un sol dito
toccare l’odore dei petali in giardino
e pensare che non sia del tutto sbagliato
riporre fiducia nella crescita dei capelli
quando questi sono stati
troppo a lungo senza le tue mani.
è in quel frangente che mi sovviene,
correggimi se sbaglio,
che non c’è stato nessun momento in cui
non abbia pensato.

Se esistesse un perchè
potrei comprendere e mistificare,
giacere lì a terra e non alzarmi.
ma io non lo so.
e mi tengo le mie piccole verità senza riscontri
e poi niente, mi alzo.

Adesso andiamo che probabilmente è meglio così,
senza troppe domande da porre ai nostri sorrisi
cercando di restare
con i piedi sollevati da terra
e di non tornarci più. lì.

Facundo Pires

Facundo Pires

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: